lunedì 24 aprile 2017

VITE, LA 6e REPUBLIQUE! di Stefano Santarelli




VITE, LA 6e REPUBLIQUE!
di Stefano Santarelli



I risultati elettorali di ieri nel primo turno delle elezioni presidenziali francesi hanno evidenziato la crisi mortale della Quinta Repubblica. Lo dimostra proprio il fallimento elettorale dei due tradizionali partiti che negli ultimi quarant'anni hanno governato la Francia: i neogollisti de Les Républicaines e il Partito Socialista che non sono riusciti ad arrivare al ballottaggio. Ma se nel caso de Les Républicaines questa crisi è dovuta principalmente agli scandali legati alla corruzione e al nepotismo che hanno colpito il suo candidato François Fillon e che comunque ha fatto ottenere quasi il 20% dei voti al contrario i risultati del Partito Socialista sono stati un'autentica Waterloo con il 6,3% dei voti.
La sconfitta del suo candidato Benoît Hamon non è dovuta all'insipienza del personaggio ma si è voluto invece punire la politica imperialista e capitalista condotta dal Presidente Hollande il quale per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica non si è neanche candidato per la rielezione, oltretutto va segnalato anche il fatto che la sua presidenza è stata impotente di fronte agli attacchi terroristici condotti dall'Isis nel territorio francese.
Bisogna ricordare che nelle ultime elezioni presidenziali del 2012 il PS di Hollande aveva preso il 28,63% dei voti, voti che oggi in buone parte sono andati al neo liberale Macron e alla France Insoumise di Mélanchon. A questo punto si apre per il Partito Socialista una crisi che probabilmente metterà fine alla sua stessa esistenza.

Sia pure a caldo è inutile negare l'evidenza: i risultati elettorali del primo turno rappresentano una pesante sconfitta per la sinistra nonostante il buon risultato de La France insoumise e del suo candidato Jean Luc Mélanchon. E' da segnalare che le due liste trotskiste (Lutte Ouvrière e l'NPA) insieme hanno quasi preso il 2%, voti che potevano essere utili alla France insoumise per potere sperare di arrivare al ballottaggio. Certamente un bell'esempio di masochismo e di autoreferenzialità e vi è da domandarsi perché si è sciolta la vecchia Ligue Communiste Révolutionnaire che nel 2009 alle elezioni europee era in grado di prendere da sola il 5% dei voti per fare nascere il NPA che aveva ben altre ambizioni e come ho già segnalato in un mio vecchio articolo (La gauche perdu) questo profondo errore di analisi politica mette in discussione lo stesso scopo della nascita di questa formazione.
Per la seconda volta nella storia della Quinta Repubblica, dopo la sconfitta del 2002 al primo turno del candidato socialista Lionel Jospin, la sinistra non riesce ad entrare nel ballottaggio per eleggere il Presidente della Repubblica.

Emmanuel Macron si è rivelato il vero vincitore di questo primo turno elettorale e probabilmente sarà il prossimo presidente francese, ma è da segnalare il fatto che la sua lista elettorale (En marche!)  non è un partito e potrebbe essere costretto per le prossime elezioni politiche a fare una lista comune con Les Républicaines per neutralizzare proprio il Front National che si è rivelato il suo vero avversario. Infatti Martine Le Pen si è rilevata una perfetta outsider e sarebbe sbagliato considerare il suo Front National come un partito fascista classico e giustamente Mélanchon non offre nessuna indicazione di voto per il secondo turno tra Macron e la Le Pen: per un vero uomo di sinistra sono due facce della stessa medaglia.
La parola d'ordine per una nuova repubblica francese non più caratterizzata dall'attuale monarchia presidenziale e basata su nuovi diritti sociali, personali ed ecologici che la France insoumise ha portato avanti in questa tornata elettorale è più che mai attuale e dovrà caratterizzare questa lista per le prossime elezioni del 11 e 18 giugno per l'Assemblea Nazionale. La battaglia per la Sesta Repubblica è soltanto agli inizi.



1 commento:

  1. Apprendiamo adesso che Mélanchon ha affermato che andrà a votare e che non voterà la Le Pen. Ergo, con molto pudore voterà quindi per Macron.Cosa dire? In politica la coerenza è una dote che pochi hanno e in questa occasione sembra mancare al leader della "France Insoumise".

    RispondiElimina

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF